Pubblicato da: primperan | 11 febbraio, 2010

Detto coi piedi

“Fuori è passata una macchina e abbiamo guardato blocchi di luce scivolare sul soffitto. Carl mi ha premuto il piede in giù, e io gliel’ho premuto in su. E’ una cosa che abbiamo fatto la prima notte che abbiamo dormito insieme, è un gesto da bambini di sette anni. Non abbiamo mai avuto una fase di corteggiamento: ci siamo conosciuti a una di quelle cene in cui tutti portano qualcosa da mangiare, e non abbiamo tardato a scoprire che entrambi eravamo reduci da una separazione. Quando abbiamo smesso di parlare dei nostri ex, stavamo insieme da un anno. Ho spinto in su il piede di Carl e lui me l’ha spinto in giù. Se un gesto fosse una persona, a questo punto frequenterebbe la seconda elementare. Ma è solo un movimento. Eppure, mi sento più vicina a Carl quando lo facciamo che in qualsiasi altro momento. E’ come se i nostri piedi avessero un rapporto perfetto, armonioso e onesto, ma dalla caviglia in su, siamo persi. Spingo di nuovo, ma lui non reagisce. Si è addormentato.”

(Miranda July, Tu più di chiunque altro)

Annunci

Responses

  1. è una delle più belle descrizioni della vita di coppia che abbia mai letto. peccato che alcuni le vivano queste cose e altri le leggano soltanto. accontentiamoci di leggerle.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: